Ichnussa

la biblioteca digitale della poesia sarda

Quattro mori

Alba ulassese

Araolla Gerolamo

(Sassari XVI - XVII sec.)

 

 

 

Nacque a Sassari attorno alla metà del secolo XVI da un'illustre famiglia. Poeta ed ecclesiastico, autore di pregevoli versi in lingua italiana, sarda e spagnola, segnando con la sua produzione poetica il punto di convergenza del trilinguismo che caratterizzava la Sardegna nel periodo. Fu allievo del medico e filologo sassarese Gavino Sambigucci. Studiò lettere e filosofia, e si addottorò in diritto. Abbracciò la vita ecclesiastica solo nella maturità, quando iniziò la propria attività letteraria.

Nel 1582 pubblicò il suo poema "Sa vida, su martiriu et i sa morte de sos gloriosos martires Gavinu, Brothu et Januariu", opera che si riallaccia a quella quattricentesca di Antonio Cano riadattando il vasto materiale della leggenda popolare sulla vita dei martiri turritani ad una costruzione narrativa più articolata.

La sua morte viene collocata tra il 1595 e il 1615.

 

Opere

Sa vida, su Martiriu, et morte dessos gloriosos Martires Gavinu, Protho, et Gianuari, Cagliari, 1582.

Sa vida, su martiriu, et morte dessos gloriosos martires Gavinu, Brotu e Gianuari, Mondovì, G. T. Rossi, 1615.

Sa vida, su martiriu, et morte dessos gloriosos martires Gavinu, Brothu, et Gianuari, a cura di M. Pinna, Sassari, Il Rosello, 2000.

Rimas diversas Spirituales de su Dottore Hieronimu Araolla Sardu Sassaresu, Cagliari,1597.

Su Gavinu triumphante, in G. Spano Appendice alla sarda ortografia, s.l., s.n., [1840?], pp. 132-231.

Le più belle poesie, a cura di S. Susini, Cagliari, Fondazione il Nuraghe, 1929.

Su velu de Calpurnia, in G. Pirodda, Sardegna, Brescia, La Scuola, 1992, pp.107-110.

 

Bibliografia critica

F. Delitala, Oratio de Hyeronimo Araolla poeta secerensi habita in solemni studiorum instauratione a Fulgentio Delitala philos. Collegii doctore, Saceri, ex typ. Arch. Raymundi Azara, 1840.

P. Mossa, Saggio di versione italiana del Gavino trionfante di Gerolamo Araolla, "La Stella di Sardegna”, 3, 1876, vol. 2, pp. 172-174.

P. Nurra, Antologia dialettale dei classici poeti sardi: G. Araolla [et al.], Sassari, G. Dessì, 1897 (oggi in ed. anast. Cagliari, Edizioni della Torre, 1980).

R. Garzia, Gerolamo Araolla, Bologna, stab. Poligrafico emiliano, 1914.

M. L. Wagner, Die Rimas spirituales von Girolamo Araolla nach dem einzigen erhaltenen Exemplar der Universitätsbibliothek in Cagliari, Dresden, Halle, Niemeyer, 1915.

Il meglio della grande poesia in lingua sarda, Cagliari, Edizioni della Torre, 1975. 1977. 1979. 1990.

F. Alziator, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, 3T, 1982, pp. 104-110.

F. R. Palmas, Gerolamo Araolla: politica culturale, letteratura e uso del sardo nel XVI secolo, Tesi di laurea, Università degli studi di Cagliari, a.a. 1991-92.

G. Pirodda, Sardegna, Brescia, La Scuola, 1992, pp. 21-22, 64, 107-111.

N. Tanda, Letteratura e lingue in Sardegna, Sassari, Edes, 1991, pp. 17-18, 60-61, n. 17.

 

 


Opere disponibili:

Algunas_voltas_m'isto_imaginende Estratto da Rimas_diversas_spirituales Estratto da
Sa vida, su martiriu et i sa morte de Gavinu, Brothu et Januariu (250 ottave) Estratto da Su velu de Calpurnia Estratto da

 

Home
Home
Scrivici
Indietro
indietro

_______________________________________________________________

© 2005-2010 Ass. cult. "Sa perda e su entu" - Ulassai. Giuseppe Cabizzosu