Ichnussa

Progetto di pubblicazione e divulgazione libera della grande poesia in lingua sarda

 

Antonio Cano

(Sassari 13?? - 1463)

 

 

Nato a Sassari sul finire del sec. XIV e morto verso il 1463. Terminati gli studi di Teologia fu nominato parroco di Giave, quindi abate di Saccargia.

Le notizie sulla sua vita sono scarse, nel 1436 fu eletto vescovo di Bisarcio e nel 1448 arcivescovo di Sassari. Nel 1463 celebrò un concilio provinciale i cui atti andarono perduti.

La sua opera pubblicata solo dopo la sua morte, nel 1557, “Sa Vitta et sa Morte et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu”, è la più antica opera letteraria in lingua sarda fino ad oggi conosciuta (volgare sardo - Logudorese). Per la sua notevole importanza filologica, il poemetto venne ristampato nel 1912 in edizione critica da Max Leopold Wagner. Il valore poetico dell’opera è invece assai scarso.

È un poemetto di argomento agiografico che ripropone, attingendo da fonti narrative medievali, il modello martiriale.

Gavino, Proto e Gianuario, martiri turritani, vengono riproposti come modelli esemplari di coerenza contro i falsi miti e i falsi valori, in una Sardegna che, a distanza di tredici secoli dal martirio, intende fondare sulla tradizione cristiana e sulla lingua e la cultura sarda, la propria identità di popolo che prende coscienza della propria condizione in un clima di accese speranze di riforma morale.
Le scelte retoriche, la spiccata tendenza alla drammatizzazione, la forza espressiva e l’arditezza del dettato rimandano ad una intertestualità ampia e ad una tradizione che, a partire dalle origini dell’Europa cristiana, si muove nell’alveo della ricca e multiforme letteratura di argomento religioso.

  

 

Opere:

Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, Sassari, 1557.

Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, a cura di M. L. Wagner, Cagliari, 1912.

Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gavinu, Prothu et Januariu di Antonio Cano, a cura di F. Alziator, Cagliari, Fossataro, 1976.

Passio sanctorum martyrum Gavini, Proti e Ianuarii, a cura di G. Zichi, Sassari, Chiarella, 1989, pp. 9-33.

Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gavinu, Prothu et Januariu, a cura di D. Manca, Cagliari, Cuec, 2000.

 

 

 Bibliografia:

• P. TOLA, Dizionario Biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837-38, vol. I, pp. 167-168.

• G. SIOTTO-PINTOR, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, 1843-44, vol. II, pp. 393-400.

• D. E. TODA Y GUELL, Bibliografía española de Cerdeña, Madrid, 1890, p. 87, n. 94.

• M. L. WAGNER, Il martirio dei SS. Gavino, Proto e Januario di Antonio Cano (Testo del Secolo XV), “Archivio Storico Sardo”, VIII, 1912, pp. 145-189.

• M. L. WAGNER, Il martirio dei SS. Gavino, Proto e Januario di Antonio Cano (Testo del Secolo XV), Cagliari, Dessì, 1912, pp. 1-45.

• B. R. MOTZO, La passione dei santi Gavino, Proto e Gianuario, in “Studi cagliaritani di storia e filologia”, I, Cagliari, Tipografia F. Sangiovanni, Napoli, 1927, pp. 129-61.

• F. ALZIATOR, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, Edizioni della Zattera, 1954, pp. 66-68.

• B. DE GAIFFIER, La passione de saint Gavin martyr de Sardaigne, “Analecta Bollandiana”, LXXVIII, 1960, pp. 310-327.

• N. TANDA, Letterature e lingue in Sardegna, Cagliari, Edes, 1984, p. 14.

• P. F. CIOMEI, Gli antichi martiri della Sardegna, Sassari, Poddighe, 1993, pp. 121-151.

• N. TANDA, Alcune considerazioni ed osservazioni in margine a Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gainu, Prothu et Januariu di Antonio Cano, Lorziana, 1993, pp. 69-77.

• A. M. PINTUS, Fonti e modello de Sa vitta et sa morte, et passione de Sanctu Gainu, Prothu et Januariu di Antonio Cano, “Quaderni Bolotanesi”, XX, 1994, pp. 395-423.

• G. PORCU, Per un riordinamento de Sa Vitta et sa Morte, et Passione de sanctu Gavinu, Prothu et Januariu (attribuito ad Antonio Cano, XV sec.), "Portales", n. 6-7, 2005, pp. 146-176.

 

 

Antologia:

Sa vitta et sa morte et passione de Sanctu Gavinu, Prothu e Januariu, Cagliari, Centro di Studi Filologici Sardi/Cuec, 2002

 


Opere disponibili:

 

Home
Home
Scrivici
Indietro
indietro

© 2005 - 2017 Giuseppe Cabizzosu