Ichnussa

Progetto di pubblicazione e divulgazione libera della grande poesia in lingua sarda

 

Antonio Crobu

(Neoneli 1913 - Cagliari 2002)

 

 

Nato a Neoneli il 30 Settembre del 1913. È scomparso nel 2002. Per oltre 35 anni è stato uno dei più noti poeti estemporanei sui palchi delle feste di piazza, in disputa con improvvisatori del calibro di Tucone, Sassu, Piras, i fratelli Piredda, Sozu, Seu e Masala. Di questo poeta, sono state pubblicate recentemente dalla Domus de Janas editore le Modas, esempio di tecnica versificatoria di grande interesse anche per i critici. Per ovvia collocazione generazionale fu anche lui tra quelli più danneggiati dalla sospensione delle gare voluta dalle autorità fasciste e da quelle ecclesiastiche. Il suo esordio ufficiale fu rimandato al dopoguerra a San Vero Milis, il 23 e 24 aprile per la festa di San Giorgio con Peppe Sozu, Giuanninu Fadda e Pitzente Presti. Era un uomo amante della cultura e, in particolare, della storia. Cercava di essere sempre ben informato e pronto su ogni tema assegnato. Era richiesto in ogni paese, ma conservava un particolare ricordo, per l’amore della poesia, per Dorgali, Ittireddu, Selargius, Laconi e Guspini. Totoni Crobu, in quanto neonelese, parlava una varietà di sardo che conteneva sia elementi settentrionali che meridionali, conosciuta ai giorni nostri come "Limba de Mesania". Forse proprio per questo trovava sempre un modo per farsi capire e comprendere bene a qualsiasi latitudine dell’isola si trovasse. Una esperienza vissuta in comune con il poeta di Fordongianus Giuanninu Fadda.
 


Opere disponibili:

 

Home
Home
Scrivici
Indietro
indietro

© 2005 - 2017  Giuseppe Cabizzosu