Ichnussa

la biblioteca digitale della poesia sarda

Quattro mori

Alba ulassese

Cugudda Maria Rosa

(Neoneli - )

 

 

Maria Rosa Cugudda, Ŕ nata a Neoneli, in provincia di Oristano e vive in Piemonte a Biella, dove si Ŕ sposata, da circa 30 anni. Ha studiato a Napoli, originaria da parte materna, conseguendo la MaturitÓ Magistrale e la Laurea in Pedagogia, con una tesi in Sociologia, “Le malattie mentali degli emigrati”. E’ stata allieva del sociologo bolognese Achille Ardig˛. Insegnante di Lettere. Ama la natura, la musica, il mare, la pittura e la letteratura, ma soprattutto la sinceritÓ! Scrive poesie dall’etÓ dell’adolescenza, ma solo da pochi anni ha scelto di divulgare. Ha pubblicato “ IL DOLCE CALORE DELLA VITA “ nel 2007 (PREMIO POESIA 2007), “INESPLORATO LAGO” nel 2008 (CORRELATO ALLA PITTURA DELL’ARTISTA GIUSEPPE JOPPOLO) e nel 2009 la Silloge ”EMOZIONI” e un Quaderno di poesie” dal titolo ”IL SOGNO”. “L’artista, ispirata pi¨ che mai, conduce verso sentieri di sogni, guida coi ricami delle sue parole, fra corolle di luce o trine cupe di tenebre. I suoi versi riflettono un mondo ricco e segreto e una lezione assimilata dagli spiriti che, come il suo, prima sentono le vibrazioni dell’anima, poi le trasformano col sapiente cesello della parola. Diversamente dai comuni mortali, il poeta vede dove gli altri non vedono, e Maria Rosa Cugudda Ŕ poetessa che coglie echi altrui e tremori suoi”. (Dalla Recensione dello scrittore professor Eliano Cau). Ha lavorato per circa 15 anni col Ser.t nella Scuola, per prevenire il disagio e le tossicodipendenze nei giovani, da cui Ŕ nato anche un libro “LA MAGIA DEL CRESCERE” Collabora con alcune Riviste letterarie. Ha partecipato a numerosi Concorsi letterari e poetici in Italia e all’estero, ottenendo ragguardevoli risultati. E’ stata inserita in diverse Antologie e Riviste poetico-letterarie.


Opere disponibili:

  1. Poesie (1) Estratto da

 

Home
Home
Scrivici
Indietro
indietro

_______________________________________________________________

ę 2005-2017 Ass. cult. "Sa perda e su entu" - Ulassai. Giuseppe Cabizzosu