Poeti sardi

Ichnussa

Progetto di pubblicazione e divulgazione libera della grande poesia in lingua sarda

 

Salvatore Lay Deidda

(Desulo 1920 - Tonara 1951)

 

 

 

Salvatore Lay Deidda è nato a Desulo il 18 maggio 1920 e deceduto a Tonara il 24 gennaio 1951. 

Figlio di umile artigiano, fu avviato agli studi classici dallo zio maestro a Cagliari e Benevento. Compiuti gli studi teologici nella facoltà di Napoli fu ordinato sacerdote a Desulo nel 1947. Svolse il suo ministero a Tonara dove morì giovanissimo il 24 gennaio 1951.

Fu pubblicista e tra i primi collaboratori della rivista di poesia sarda “S’ischiglia” che pubblicò molte sue composizioni. L’opera che presentiamo è un poema epico in ottave (venti canti e ben 1143 ottave) che rimase inedito fino al 1980 e che vi proponiamo integralmente. 

 


Opere disponibili:

Amsicora (1143 ottave) &    

 

Home

indietro

© 2005 - 2008 Giuseppe Cabizzosu