Poeti sardi

Ichnussa

Progetto di pubblicazione e divulgazione libera della grande poesia in lingua sarda

 

Diego Mele

(Bitti 1797 - Olzai 1861 )

 

 

 

Nato a Bitti il 22 gennaio 1797 e morto a Olzai il 16 ottobre 1861. Figlio di Salvatore Mele e Anna Casu.

Di povera famiglia, rimasto orfano di padre a soli 11 anni, dovette ai sacrifici materni la possibilità di accedere agli studi, laureandosi in teologia il 9 marzo 1828 e prendendo gli ordini insieme al condiscepolo e amico Giovanni Spano.

Autore di poesie aspre e mordaci, dovette fuggire dal suo paese per le inimicizie che i suoi versi gli avevano procurato.

“Accusato di avversare la Legge delle Chiudende e di incitare il popolo a sostenere il bestiame girovago, e a diffondere il comunismo territoriale”, fu mandato per punizione dall’Arcivescovo Bua, in esilio ad Ozieri presso i padri Cappuccini.

Inviato poi a Lodè, a Mamoiada e infine ad Olzai, visse tranquillamente in questo paese sino alla morte.

La sua poesia, specie quella satirica, è schietta espressione di quella società agro-pastorale in cui visse, dando spesso voce ai suoi conterranei nei dialoghi in cui lamentavano le tristi condizioni di vita.

 

Opere

La fame in Sardegna, “Il dovere”, 9 febbraio 1867.

La chenscia de duas feminas coguadas, Dialogo tra due donne maritate sopra la sorte del matrimonio, in P. P. Mossa, Donnu donadu, Sassari, 1914.

Poesie, “Il Parnaso sardo”, a cura di P. Meloni Satta, Cagliari, 1922.

Il Parnaso sardo, a cura di P. Meloni Satta, Cagliari, Tip. G. Ledda, 1923.

Il meglio della grande poesia in lingua sarda, a cura di M. Brigaglia, Cagliari, Edizioni della Torre, 1975.

Satiras e poesias varias, “S’Ischiglia”, 6, 1980.

Satiras e poesias, a cura di B. Porru, Cagliari, 3T, 1981.

In Olzai non campat pius mazzone, in G. Pirodda, Sardegna, Brescia, La Scuola, 1992, pp. 262-265.

 

Bibliografia critica

R. Ciasca, Bibliografia sarda, Roma, 1931-34, vol. III, p. 106, nn. 11065-11067.

R. Calvisi, Riti magici. Su teju. Profili di poeti bittesi, Cagliari, 1971, pp. 61-68.

Il meglio della grande poesia in lingua sarda, a cura di M. Brigaglia, Sassari, 1975, pp. 159-176.

N. Tanda, Le canzoni di Diego Mele: dalla parte della gente, in Letteratura e lingue in Sardegna, Cagliari, Edes, 1984, pp. 189-192.

G. Pirodda, Sardegna, Brescia, La Scuola, 1992, p. 38.


Opere disponibili:

 

Home

indietro

© 2005 - 2008  Giuseppe Cabizzosu