Poeti sardi

Ichnussa

Progetto di pubblicazione e divulgazione libera della grande poesia in lingua sarda

 

Pischedda Paolo

(Usini 18?? - 19??)

 

 

 

Non si hanno notizie intorno a questo poeta tuttavia lo stile utilizzato e la competenza con cui sviluppa gli argomenti in questione, fanno intuire una profonda conoscenza dottrinale e un livello culturale superiore alla media; il che fa presumibilmente supporre che potrebbe trattarsi di un sacerdote. Si tratta dell’ennesimo poeta che si inserisce nella lunga ed annosa polemica della seconda metà del secolo decimo nono, scoppiata tra Antonio Chessa di Portotorres e Antoni Dominigu Migheli a favore e contro la religione e la chiesa cattolica. Ricordiamo brevemente che per tentare una mediazione tra le due parti configgenti intervenne il poeta Peppeddu Cau di Dualchi duramente attaccato da Giovanni Farris contrariato per il giudizio poco lusinghiero espresso nei suoi confronti.

S'Impostura Clericale di Angelo Dore, pubblicato con l'intento di difendere Peppeddu Cau dalle pesanti accusa di Giuanne Farris, in realtà si presenta come una veemente riproposta dei temi anticlericali che avevano dato spunto alla originale polemica sorta ben trentacinque anni prima.

Le accuse al papato e ai dogmi della religione cattolica si fanno sempre più decise e agguerrite.
Si aggiunga che dietro la polemica teologico dottrinale si passò alla aperta propaganda politica, facendosi ispiratori e portavoci di quella nascente ideologia socialista che, appena un decennio dopo, sfocerà nella rivoluzione russa.
Paolo Pischedda si inserisce in questa polemica nel 1910 con uno scritto in poesia dal titolo “Poesia Populare in Limba Sarda - Sacra - Istorica - Polemica - Critica - Apologetica – Morale” col quale si difende la chiesa e la religione cattolica criticando aspramente le teorie dei suoi avversari.

La Poesia Populare si compone, oltre alla prefazione, di cinque canti. Solo il quarto e il quinto hanno un titolo: rispettivamente, “Inquisisione” e “Prezettos Morales”. Nell'ultima pagina è contenuta l'Approvazione ecclesiastica, con le firme del Can.co Parr.co F. Liperi, Revisore Ecclesiastico, e dell'Arcivescovo Emilio.
 


Opere disponibili:

Sa_Poesia_Populare (estratto) &    
       

 

Home

indietro

© 2005 - 2009 Giuseppe Cabizzosu