Ichnussa

la biblioteca digitale della poesia sarda

Quattro mori

Alba ulassese

Tocco Giacomo

(Orosei 19?? - ????)

 

 

 Presentiamo in questa pagina un classico esempio di quella corrispondenza poetico-epistolare che rappresentava una prassi molto diffusa ed apprezzata nel secolo scorso tra poeti ed appassionati di poesia. La poesia in limba veicolava, come strumento straordinario e vivissimo, i contatti ed i messaggi che venivano scambiati tra moltissimi sardi, dentro e fuori l'isola, in occasione dei vari eventi ed occasioni che scandivano la vita quotidiana dei vari paesi e dei loro abitanti.
Qui abbiamo la lettera che Giacomo Tocco,
ex Sindaco di Orosei, mandò all'amico assessore Salvatore Mazzone, Sergente di Fanteria, ferito nel primo conflitto mondiale.
La poesia
(una moda retrogada che presenta qualche imprecisione dovuta certamente alla non chiara leggibilità del testo originario) fu copiata ad Orosei dall’ufficiale di Segreteria Sig. Pietro Sannai il 24 Aprile 1921 ed è stata recuperata grazie ad un importante lavoro di ricerca e parziale ricostruzione del testo realizzato da Giovanni Pagliarulo, nipote dell'autore.



Opere disponibili:

Benit certu a t'abbazzare
Estratto da




 

 

Home
Home
Scrivici
Indietro
indietro

_______________________________________________________________

© 2005-2017 Ass. cult. "Sa perda e su entu" - Ulassai. Giuseppe Cabizzosu